come combattere la fame nervosa

Combattere la fame nervosa è assolutamente possibile, grazie alla buona volontà e a qualche piccolo stratagemma. È normale che in alcuni momenti di particolare stress o malinconia possa apparire difficile dover rinunciare a qualcosa da sgranocchiare, ma non bisogna darsi per vinti. Grazie, infatti, alla propria capacità di autocontrollo e a un pizzico di buon senso sarà possibile smettere di essere dei “mangiatori emozionali”. Di seguito vi forniamo qualche consiglio utile per combattere la fame nervosa in un batter d’occhi.

Combattere la fame nervosa: eliminare la causa dello stress

In primo luogo, se si desidera combattere la fame nervosa è opportuno capire cosa ha determinato il proprio stato ansioso. Una volta individuato il fattore alla base del nervosismo, è necessario adoperarsi per trovare una soluzione al problema o quanto meno per cerare di razionalizzarlo.

Combattere la fame nervosa con gli integratori

Qualora ci si trovi a dover affrontare quotidianamente attacchi di fame nervosa e non si è in grado di porvi rimedio grazie all’autocontrollo, è possibile ricorrere all’assunzione di integratori alimentari che riducano la fame da stress. Si pensi, ad esempio, al magnesio, alla rodiola e all’alga spirulina.

Combattere la fame nervosa con una sana attività fisica

Praticare regolarmente una disciplina sportiva esercita sull’organismo un’azione riequilibrante e anti-fame. L’esercizio fisico, infatti, stimola nel cervello l’attivazione dei cosiddetti circuiti del piacere, distogliendo l’attenzione dal desiderio continuo di rimpinzarsi.

Scegliere cibi sani e abolire il junk food

Se è davvero impossibile rinunciare agli snack anti-stress, è opportuno prediligere cibi sani e sazianti, mentre vanno aboliti tassativamente quelli che stimolano ulteriormente l’appetito e quelli che appartengono alla categoria del junk food (ovvero cibo spazzatura, come caramelle, bibite zuccherate, patatine in busta, merende confezionate, alimenti che contengono additivi, ecc.). Si pensi, ad esempio, alla frutta fresca e secca, agli ortaggi o agli yogurt magri. Un’ottima alternativa è offerta poi dai semi di girasole e da quelli di zucca, i quali sono noti per il loro elevato potere saziante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here