alitosi

L’alitosi è un problema veramente imbarazzante e chi ne soffre fa delle mentine la sua ragione di vita. Tuttavia, masticare di continuo gomme e caramelle non è una soluzione definitiva e di certo non risolve il disagio. Se vuoi davvero combattere l’alito cattivo, inizia da qui e da questi pochi ma efficaci consigli.

Le cause dell’alitosi

L’alito cattivo è determinato principalmente da due fattori fortemente connessi: la scarsa igiene orale e la presenza di problemi dentali (tartaro, carie, ascessi, etc.). Quindi, per eliminare il problema alla radice dovrai fare molta attenzione all’igiene della tua e sottoporti, almeno ogni sei mesi, a una visita dentistica di controllo. Questo è un buon punto di partenza per porre fine una volta per sempre all’alitosi.

Rimedi fai-da-te contro l’alitosi

Per prevenire l’alitosi, una buona abitudine è di mantenere la bocca sempre umida. L’alito cattivo, infatti, s’innesca quando la produzione di saliva, necessaria per combattere i batteri, inizia a scarseggiare. Pertanto, la regola fondamentale è curare l’igiene della tua bocca.

Per farlo dovrai rimuovere attentamente ogni residuo alimentare nascosto fra i denti, evitando così la formazione di tartaro. Attenzione però: lo spazzolino non è sufficiente! Inizia a utilizzare il filo interdentale, il collutorio e a lavare bene la lingua. La nostra lingua, infatti, è una fonte inesauribile di bacilli e bisogna mantenerla sempre pulita: dopo esserti lavata i denti, basterà spazzolarla con lo spazzolino partendo dalla zona più vicina alle tonsille fino alla punta.

Un altro espediente molto utile per evitare l’alitosi è di bere frequentemente e mantenere attiva la salivazione masticando le tanto amate gomme e caramelle. La loro funzione, infatti, più che favorire un migliore odore dell’alito, è di contribuire all’aumento di saliva. Tuttavia, non tutte le gomme da masticare hanno lo stesso effetto sul controllo dell’alitosi: cerca di scegliere quelle allo xilitolo (contrasta la formazione di batteri) e alla cannella (efficace contro i batteri).

Se nonostante tutto il problema dell’alito cattivo dovesse persistere, sarebbe meglio chiedere un parere medico. A volte, infatti, l’alitosi potrebbe essere provocata da alcune patologie (tonsilliti, Trimetilaminuria, Chetoacidosi diabetica, etc.) o da una dieta poco bilanciata. Infatti, chi segue un regime dietetico povero di è più soggetto al problema dell’alito cattivo e dovrebbe, anche solo una volta al giorno, mangiare una banana o una mela.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here