Perché proprio a te?

Tra i disturbi del cuoio capelluto, sicuramente la forfora è uno dei più frequenti e sgraditi. Si tratta della classica formazione di piccole cuticole di pelle che si depositano sui capelli e si trasferiscono sulle superfici vicine e sulle spalle, formando la tipica e imbarazzante “nevicata”. Sebbene vi sia una certa predisposizione genetica, una delle cause più comuni che determinano la forfora è rappresentata dai cambi di stagione. Spesso, infatti, il problema non ha nulla a che fare con l’igiene dei capelli o con la salute del cuoio capelluto.

Forfora grassa e secca

Innanzitutto bisogna fare una distinzione tra forfora secca e grassa. Il primo tipo si distingue perché la desquamazione della cute è abbondante e associata a prurito, ma non a un’eccesiva produzione di sebo. Il secondo tipo, invece, si caratterizza per la formazione di piccole croste untuose associate a un’iperproduzione sebacea che le mantiene attaccate alla testa.

Le cause

La forfora grassa, generalmente, si accompagna a una malattia cutanea specifica (detta dermatite seborroica), mentre quella secca può essere causata da altri fattori, tra cui: stress, presenza nel cuoio capelluto del fungo Pityrosporum Ovale, problemi digestivi, difetti del metabolismo dei lipidi da parte del fegato, malattie infiammatorie dell’intestino, eccesso d’igiene, uso di prodotti per capelli inadeguati, cute secca, disturbi ormonali, sensibilità o allergia alle tinte o ai detergenti usati abitualmente, inquinamento, ma anche alcune patologie come epilessia e morbo di Parkinson.

Come debellarla?

Se hai notato la comparsa della forfora dopo aver utilizzato un determinato prodotto, può essere risolutivo sostituire lo shampoo con un altro più delicato. Cerca inoltre, di non lavare troppo spesso i capelli e di ridurre l’uso di piastre liscianti perché il calore contribuisce a seccare la cute. In altri casi, all’origine di questo problema potrebbe esserci una dieta ricca di grassi o una lieve intolleranza alimentare verso qualche cibo o sostanza (come il nichel o il glutine). Cambiando regime dietetico, quindi, il fastidio dovrebbe risolversi in pochi giorni. Se nonostante questi accorgimenti la forfora non dovesse diminuire, è preferibile acquistare uno shampoo specifico o chiedere un parere al tuo dermatologo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here