Per intestino pigro si intende una alterazione della regolarità del transito intestinale, che provoca gonfiore a livello addominale, feci dalla consistenza dura e difficoltà a evacuare quotidianamente. Questa condizione può essere determinata sia da cause fisiologiche (come la gravidanza) sia dall’adesione a uno stile di vita scorretto (abuso di junk food e di alcol, vizio del fumo, sedentarietà, elevati livelli di stress, ecc.)

Una sana alimentazione contro l’ intestino pigro

Seguire una dieta equilibrata è sana è senz’altro fondamentale per ridurre i sintomi dell’ intestino pigro. In particolare è essenziale garantire all’organismo il giusto apporto di fibre tramite l’assunzione di cereali integrali, di legumi, di frutta di stagione e di verdure come carote, asparagi e cavolfiori. Contestualmente è necessario evitare le bevande alcoliche e quelle gassate, i dolciumi, il cioccolato, le pietanze eccessivamente condite, i cibi grassi, le spezie e il pane bianco.

La terapia naturale contro l’ intestino pigro

Qualora una dieta adeguata non fosse sufficiente a contrastare il problema dell’ intestino pigro, è possibile ricorrere a prodotti naturali capaci di favorire il regolare transito intestinale. Tra di essi segnaliamo la radice della liquirizia, che, essendo ricca di fibre, ha proprietà antinfiammatorie e lassative, in grado di favorire la normale espulsione delle feci dall’intestino. Un ottimo rimedio naturale è anche l’infuso di malva, che rende le feci più morbide e favorisce l’eliminazione delle tossine e dei prodotti di scarto.

Molto utile contro l’ intestino pigro è anche l’assunzione al mattino di un bicchiere di acqua tiepida miscelata con un po’ di miele: questa bevanda, infatti, è la soluzione ideale per ripulire il tratto intestinale.

Tra i rimedi fitoterapici più gettonati vi è poi il gel di aloe vera: sarà sufficiente assumerne un cucchiaio lontano dai pasti per contrastare in maniera efficace la stitichezza.

Il glucomannano, dal suo canto, è in grado di aumentare la massa fecale e di favorire di conseguenza la motilità intestinale.

Infine si consigliano i semi di psillio, in quanto sono ricchi di mucillagini che ammorbidiscono le feci e ne rendono, di conseguenza, più agevole l’espulsione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here