Mangiare integrale: ecco tutti i vantaggi e i benefici

Secondo i nutrizionisti esistono almeno 70 buoni motivi per mangiare integrale, perché in un solo chicco si nascondono delle proprietà eccezionali che potrebbero perfino allungarci la vita. Per questo motivo, se desiderate migliorare la vostra salute e restare in forma, vi daremo almeno 5 validissimi motivi per iniziare a mangiare integrale.

Mangiare integrale: iniziate da subito per 5 motivi

Secondo i ricercatori di Harvard, nella crusca (la parte di rivestimento del chicco) e nel germe (l’embrione del seme) esistono circa 70 sostanze differenti dotate di altrettante virtù benefiche, ma ne basteranno solo 5 per convincervi che è arrivato il momento di mangiare integrale.

Ecco perché:

  1. Diverse ricerche condotte sia negli Stati Uniti che in Europa hanno evidenziato che i cereali integrali hanno la capacità di abbassare fino al 30% la possibilità di contrarre il diabete di tipo 2, ovvero quello conosciuto come “non insulino-dipendente”. Le fibre hanno infatti la proprietà di regolare i livelli della glicemia, rallentando l’assorbimento degli zuccheri: evento che non si verifica consumando cereali raffinati. In questo caso, infatti, i livelli glicemici s’innalzano, aumentando quindi anche la richiesta d’insulina.
  2. Altri studi hanno dimostrato invece che mangiare integrale può prevenire il rischio d’infarto: è per tale ragione che molti dottori consigliano ai loro pazienti con problemi cardiaci di seguire una dieta ricca di prodotti integrali.
  3. Altre indagini scientifiche hanno confermato poi che il consumo abituale di riso, avena, frumento e altri cereali integrali riduce del 35% le malattie d’origine infiammatoria, come alcuni tipi di tumore, soprattutto quello all’intestino. I prodotti integrali possiedono infatti ottime proprietà igroscopiche, ciò significa che l’acqua che riescono a trattenere è in grado di diluire le sostanze tossiche che si trovano nel lume intestinale.
  4. I cibi integrali offrono un elevato apporto di: vitamina E, alcune vitamine del gruppo B, proteine, cellulosa, sali minerali (tra cui magnesio, zinco e ferro), acidi grassi essenziali, fitochimici (particolari molecole contenute nelle piante che apportano grandi benefici alla salute) e altre sostanze bioattive.
  5. In ultimo, ma non per questo meno importante, è stato confermato da molti studi che il consumo di alimenti integrali agisce positivamente sul controllo dell’appetito perché aumenta il senso di sazietà e riduce l’apporto energetico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here