i benefici della musicoterapia

La musicoterapia è il trattamento che sfrutta i benefici apportati dalla musica; si tratta di una metodologia terapeutica che si serve dei suoni musicali per comunicare in maniera immediata con il paziente, al fine di metterlo nelle condizioni di esprimere liberamente il suo sé più profondo.

Musicoterapia: i benefici

Da secoli l’essere umano si serve della musica per ottenerne benefici sia a livello fisico che mentale. Si tratta, infatti, di una modalità comunicativa immediata che non richiede l’utilizzo del linguaggio o di altri codici convenzionali. Attraverso i suoni, i ritmi e le armonie della musica, in altri termini, è possibile accedere al mondo interiore dell’essere umano, consentendogli di ritrovare il proprio naturale equilibrio. Del resto qualsiasi condizione patologica, sia essa fisica o mentale, ha origine a causa di una disarmonia tra corpo e psiche; compito della musica è proprio quello di ricostituire l’armonia perduta.

Un team di ricercatori ha dimostrato, inoltre, che essa sarebbe in grado di migliorare le performance della memoria, di ridurre in maniera significativa il livello di stress e di ansia e di lenire il dolore fisico.

A chi è consigliata la musicoterapia?

La musicoterapia è benefica per diverse categorie di soggetti: dai bambini autistici ai neonati prematuri, dai soggetti affetti dal morbo di Alzheimer a quelli colpiti dal mal di denti.

Prendiamo il caso dei bambini nati prematuramente: è stato dimostrato che l’ascolto di suoni melodiosi e dolci, simili a quelli cui era abituato nel ventre materno, sarebbe in grado di regolare la frequenza cardiaca, di favorire il riposo e la corretta suzione. Particolarmente indicata a tal fine la musica classica del compositore viennese Wolfgang Amadeus Mozart.

Ma non finisce qui: la musica favorisce anche che la fantasia, il talento e le predisposizioni naturali emergano con più facilità. Se la si ascolta, ad esempio, quando si disegna, si scrive o si fa un compito scolastico, la musica sarebbe in grado di aumentare la concentrazione e di stimolare la creatività.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here